- Corriere2000 - http://www.corriere2000.it -

In 55 mila all’Olimpico per il Boss

<p> Bruce Springsteen</p>

Bruce Springsteen



Tutto, ma proprio tutto quello che deve esserci in un concerto rock ieri sera c’è stato.

E’ un Bruce Springsteen a dir poco esplosivo quello che ieri sera ha infiammato lo stadio Olimpico che, con i suoi 55 mila presenti, ha reso omaggio alBoss del rock che, manco a dirlo, non ha deluso.

Il concerto, spostato dalle 9 e mezza alle 10 per non incocciare con i mondiali Fina, è iniziato con mezz’ora di ritardo con la musica di Ennio Morricone come intro.

Pochi secondo dall’entrata di Bruce ed ecco che lo stadio inizia a scatenarsi per tutte le tre ore filate di un concerto che avanzava in modo imponente grazie anche alle ballate del rocker del New Jersey e alle sue trovate sceniche che hanno coinvolto tutto il pubblico, sia che fosse sul prato che sugli spalti.

La scaletta è aperta con Badlands per toccare poi brani storici come I’m on fire, Born to run fino all’ultima Walking on a dream. Omaggio ai Beatles in chiusura con Twist and shout, senza dimenticare una dedica per i terremotati in Abruzzo e lanciare una frecciatina alla Milano anti – rumore.

Impeccabile anche la storica E Street Band che, con un sound onesto e genuino, è resa parte integrante dello show.

Springsteen terrà altri due concerti in Italia: a Torino il 21 luglio e il 23 luglio ad Udine. Da non perdere.