- Corriere2000 - http://www.corriere2000.it -

Barack Obama show

</p>

Rilassato, ironico e disponibile. Così è apparso Barack Obama nella puntata del “David Letterman Show”.
Era la prima volta che un presidente in carica vi partecipasse, ma Obama si è dimostrato all’altezza della situazione. E il presentatore anche.

Si è parlato di Afghanistan e delle vacanze delle figlie del presidente, di riforma sanitaria e dei compiti a casa di Sasha e Malia.

La prima delle tre giornate newyorkesi del presidente americano si è aperta con un corteo di auto che ha paralizzato il traffico lungo l’East River, e per il quale ha chiesto scusa, per raggiungere il salotto di uno dei presentatori più celebri della tv Usa.

Entrambi erano reduci da una due giorni di record. Il presidente ha concluso una maratona in cui ha rilasciato cinque interviste a cinque network differenti; il presentatore aveva avuto già un inquilino della Casa Bianca come ospite: Bill Clinton.

Chi si aspettava rivelazioni o domande pungenti è rimasto deluso. Per quaranta minuti Letterman ha tenuto a freno il suo celebre sarcasmo e ha invitato il presidente a dire la sua sui temi più caldi.

La situazione in Afghanistan, per esempio; o la questione razziale, che l’ex presidente Jimmy Carter aveva evocato come vero movente dell’attacco sferrato al capo della Casa Bianca per la contestata riforma sanitaria.

“E’ importante capire che ero nero anche prima delle elezioni – ha detto Obama, scatenando l’ilarità del pubblico e di Letterman, che ha colto l’occasione per rispondere: “Ma davvero? E da quanto tempo è nero?”.