- Corriere2000 - http://www.corriere2000.it -

I big dello sport evadono il fisco

<p></p>

Anche i big dello sport finiscono nel mirino delle Fiamme Gialle.

Il pilota di Formula 1 Vitantonio Liuzzi, il campione del ciclismo Davide Rebellin, il copilota di rally Tiziano Sivieri sono accusati di evasione fiscale internazionale. Insieme a loro anche un noto imprenditore sardo di cui non si fa il nome.

L’operazione ha portato alla luce quasi mezzo miliardo di euro di capitali detenuti illegalmente all’estero solo da queste quattro persone.

“Le indagini – ha spiegato il capitano del comando generale della Guardia di Finanza di Roma Gianluca Berruti – sono state condotte in collaborazione e con l’ausilio degli esperti delle Fiamme Gialle dislocati in punti nevralgici del mondo che possono fornire un contributo determinante”.

Le indagini sono frutto di una strategia del 2009 partita dalla direttiva governativa e riguardano centinaia di posizioni e dunque una cifra non ancora quantificabile che supererà quella già accertata di quasi mezzo miliardo.

Gli accertamenti condotti sul campione del ciclismo Davide Rebellin sono in corso da alcuni mesi, fanno sapere dalla Guardia di Finanza di Padova. Il ciclista avrebbe scelto il Principato di Monaco come sua residenza mentre secondo i militari continuerebbe a risiedere in un paese padovano.

Nel mirino della Gdf anche il pilota di Formula 1 Vitantonio Liuzzi che invece si sarebbe trasferito inizialmente in Inghilterra e poi in Svizzera ma continuando però a investire nel nostro Paese, comprando case e barche.

Coinvolto anche un famoso imprenditore sardo di cui non viene fatto il nome e il copilota di un ex campione del mondo di rally Tiziano Sivieri. Anche le indagini della Guardia di Finanza di Padova non si limitano ai soli “nomi noti” ma sono in corso anche numerosi accertamenti antiriciclaggio nei confronti di imprenditori e professionisti.

Dal quartier generale della Fiamme Gialle della città veneta fanno sapere che da ottobre 2008 a oggi sono stati effettuati e accertati reati per 14 milioni di euro, tutti riconducibili a evasione fiscale.