- Corriere2000 - http://www.corriere2000.it -

Il Camerun elegge “Miss donna incinta”

 

</p>

Il Camerun eleggerà la sua Miss donna incinta.

Un concorso di bellezza per donne in dolce attesta. Succede in Camerun, che questa sera avrà la sua “miss mamma”.

La curiosa notizia viene riportata dal quotidiano online Afrik.com, sull’attualità dell’Africa nera e del Maghreb, che annuncia che questa sera, 12 novembre, a Yaoundé, si terrà una sfilata di moda alla quale parteciperanno solo ed esclusivamente donne col pancione. A seguire, verrà eletta “Top model future maman” [1].

Un’iniziativa fortemente voluta da Mercielle Medi Nlebe, per rivalutare l’immagine delle fotomodelle incinte agli occhi del grande pubblico. 


 

  [2]

</p>

 

 

Arrestato Mike Tyson [2]

Ancora problemi con la giustizia per Mike Tyson. Come riporta il Times di questa mattina, l’ex pugile è finito in manette ieri, dopo una violenta lite con un fotografo all’aeroporto di Los Angeles.

Quest’ultimo, un celebre paparazzo, ha detto alla polizia di essere stato colpito da Tyson. Lo stesso ha riferito successivamente il pugile, dicendo che il fotografo aveva tutta l’intenzione di provocarlo.

Il portavoce dell’ex campione di pugilato, comunque, avrebbe riferito che Tyson, avrebbe cercato di proteggere il figlio di 10 mesi dal paparazzo, che voleva a tutti i costi fotografarlo.

 


 

 

 

</p>

 

Blackout, Lula convoca una riunione.

Il presidente del Brasile Luiz Inácio Lula da Silva ha convocato una riunione urgente per avere spiegazioni riguardo al blackout che ieri, 11 novembre, ha lasciato al buio 40 milioni di brasiliani. La notizia è diffusa questa mattina dal quotidiano El Pais.

Inizialmente si pensava a un guasto alla centrale idroelettrica Itapiù, alla frontiera col Paraguay.

Ma la l’ipotesi attualmente più accreditata è che il guasto si sia prodotto a causa della slegatura di tre linee elettriche collegate alla centrale, probabilmente provocato dal forte vento.


 

 

 

</p>

 

Distributore di benzina crolla. [3]

E’ successo vicino Xiaoguo, nella provincia di Hebei, a nord della Cina.

Le immagini spettacolari del crollo hanno fatto il giro del mondo grazie all’agenzia Asianews, finendo sulle pagine dell’edizione giornaliera del China Daily.

All’origine del crollo, probabilmente, il grosso accumulo di neve che si trovava sul tetto.

 


 

 

 

 

</p>

 

Maltempo, tre morti a Rio.  [4]

O Globo apre, questa mattina, con una notizia riguardante l’ondata di maltempo che ha colpito Rio De Janeiro in questi giorni.

Tre persone sono morte annegate nella loro casa, dopo l’alluvione della scorsa notte.

Il contadino José Severino Frias, 48 anni, e figlio di Marlison Jose Frias, 22, sono stati trovati morti sotto le macerie della casa di Rua Trajano, nel quartiere di Biquinha. Trovata morta anche la figlia Jenifer, di 15 anni,.

La moglie del contadino, Jenifer José de Frias, e il figlio Jonathan José de Frias, 19, sono stati soccorsi dai vigili del fuoco e portati all’ospedale di Posse.
Secondo il comandante della protezione civile di Duque de Caxias, colonnello Ronaldo Reis, dal pomeriggio di mercoledì fino alle prime ore di oggi, sono caduti 76 millimetri di pioggia in città. Vale a dire, più della metà della quantità di pioggia prevista per il mese di novembre.

 


 

 

 

 

</p>

Sul New York Times si parla ancora di Afghanistan [5].

L’ambasciatore degli Stati Uniti in Afghanistan, Karl W. Eikenberry, ha espresso per iscritto le sue riserve sull’invio di ulteriori truppe nel paese.

Il presidente Obama ei suoi consiglieri per la sicurezza nazionale, hanno iniziato l’esame di un’opzione che avrebbe mandato una quantità relativamente esigua di uomini (al massimo 15mila) in Afghanistan.

Eikenberry e il presidente Usa hanno parlato della questione nel corso di una riunione che si è svolta ieri, 11 novembre.

Pare che durante la riunione Obama abbia voluto sapere quando si potranno osservare concretamente i risultati della missione in Afghanistane, in vista di un ritiro in tempi brevi.

 


 

 

 

 

 

 

</p>

Tra le notizie in rilievo nell’hompage di Le Monde di questa mattina, c’è l’appello di Roseliyne Bachelot a vaccinarsi contro l’influenza A [6].

 

“Il vaccino è sicuro – insiste il ministro della Sanità francese -. Ne sono già stati eseguiti più di 100mila.

Voglio dire ai francesi che si trovano davanti a un’influenza che può presentarsi sotto forme molto gravi e pericolose. Il vaccino è sicuro e testato. Con una sola dose si può già avere una buona immunità”.