- Corriere2000 - http://www.corriere2000.it -

Bomba contro la procura di Reggio Calabria

</p>

Paura a Reggio Calabria, un bomba è stata fatta esplodere davanti accanto al portone della Procura generale, in piazza Castello.
L’esplosione ha provocato danni al portone, scardinando un’inferriata. Fortunatamente nessun passante si trovava nella zona al momento della deflagrazione.

L’ordigno era composto da una bombola con 20 chili di gas liquido alla quale era stata applicata una quantità ancora imprecisata di tritolo e una miccia.

Le indagini sull’episodio sono condotte dai carabinieri del Comando provinciale di Reggio Calabria che al momento non escludono alcuna ipotesi.

Secondo quanto ripreso dalle telecamere di servizio, l’ordigno è stato piazzato da due uomini con il volto coperto con dei caschi da motociclista.

Il procuratore generale di Reggio, Salvatore Di Landro, si è detto molto preoccupato per il grave atto intimidatorio.

“Voglio ricordare che l’ufficio della Procura – ha detto Di Landro – si occupa della confisca e del sequestro dei beni delle cosche, e dei procedimenti di appello contro le la criminalità organizzata.

Chiederò nel corso del vertice con il prefetto maggiori controlli delle forze dell’ordine e maggiore vigilanza dei nostri uffici, ma soprattutto un maggior controllo da parte degli uffici preposti”.