- Corriere2000 - http://www.corriere2000.it -

Bangkok, il bilancio delle vittime sale a 19

</p>

Scontri a Bangkok, il bilancio sale a 19 morti, tra i quali 15 sono civili.

Il governo, intanto, giustifica la dura reazione dell’esercito parlando di legittima difesa. I soldati avrebbero usato solo proiettili di gomma, mentre le camicie rosse – ha dichiarato il portavoce del primo ministro Abhisit Vejjajiva in tv – erano armate di lanciagranate M79, kalashnikov, bombe a mano e altre armi artigianali.

Panitan Wattanayagorn, che ha confermato il bilancio di 4 morti e 200 feriti tra i soldati, ha ribadito che l’esercito ha agito seguendo le regole di ingaggio e sparando solo per autodifesa, negando l’uso di proiettili veri.

Il governo, ha aggiunto, ha intanto ordinato alle truppe di far ritorno alle proprie basi, rimanendo in allerta per ulteriori operazioni se saranno necessarie. Ma anche oggi intere zone della capitale sono in mano alle camicie rosse e si temono nuovi scontri. È in programma anche una veglia di preghiera per le vittime.

Alcune migliaia di ribelli hanno poi nuovamente circondato la sede di Thaicom, la società dal cui satellite passa la trasmissione del “Canale del popolo” oscurato dalle autorità, alla periferia nord di Bangkok. Secondo il reporter di una tv locale, ci sono stati tafferugli con le forze di polizia schierate a difesa del complesso, teatro di scontri già venerdì.