- Corriere2000 - http://www.corriere2000.it -

“Rischioso un governo tecnico”

<p> Umberto Bossi</p>

Umberto Bossi

“Rischiosissimo un governo tecnico”.

Per Umberto Bossi potrebbe essere un grande problema proprio per la Lega.

“A parte la legge elettorale, c’è il rischio che cancelli tutte le leggi che non interessano né a Fini né a Bersani – spiega Bossi -. Dobbiamo guardare con grande attenzione e grande timore l’idea di un governo tecnico, che secondo me non può passare”.

In ogni caso, secondo il ministro delle Riforme “Berlusconi farebbe il braccio di ferro. Porterebbe in piazza la gente, sono tanti. La Lega, se si unisce, Piemonte, Veneto e Lombardia, sono milioni di persone, sono anche incazzati”.

In un colloquio con il Corriere della Sera il Capo dello Stato Giorgio Napolitano torna sul tema elezioni, e sull’impossibilità proclamata da alcuni di dar vita ad un governo tecnico obiettando che si entra in un terreno, vago e futile, dei “nominalismi”.

Il capo dello Stato si chiede cos’è un governo tecnico e fa capire, spiega l’articolo, che “per lui non fu un governo tecnico neppure quello guidato da Carlo Azeglio Ciampi nel 1993 nel quale tutti i ministri erano non a caso rappresentanti dei partiti… Insomma secondo il ragionamento di Napolitano non esistono esecutivi tecnici che nascano dalla volontà del capo dello stato: ci sono esecutivi, qualunque sia la loro composizione, che nascono dal fatto che il Parlamento dà loro, a maggioranza, la fiducia”.

Sul ricorso alle urne anticipate, continua, Napolitano si è “limitato a far capire a quanti si esercitano in continue congetture sul voto, indicando persino qualche data fra novembre e dicembre prossimi, che è bene si astengano perché questo non è di loro competenza”.