- Corriere2000 - http://www.corriere2000.it -

Domani le salme degli alpini tornano in Italia

</p> [1]

Gli alpini uccisi in Afghanistan

Domani mattina torneranno in Italia le salme dei quattro militari uccisi in Afghanistan. Non è grave  Cornacchia, il quinto militare rimasto ferito.

I cinque erano tutti  in forza al VII Reggimento alpini di stanza a Belluno, inquadrato nella brigata Julia.

Sono stati travolti dall’esplosione che ha fatto saltare un blindato Lince nel distretto di Gulistan.

Nell’agguato sono morti il primo caporal maggiore Gianmarco Manca (nato ad Alghero il 24 settembre 1978), il primo caporal maggiore Francesco Vannozzi (nato a Pisa il 27 marzo 1984), il primo caporal maggiore Sebastiano Ville (nato a Lentini, provincia di Siracusa, il 17 settembre 1983) e il caporal maggiore Marco Pedone (nato a Gagliano del Capo, in provincia di Lecce, il 14 aprile 1987).

Il militare ferito che si trovava a bordo dello stesso mezzo colpito è il caporal maggiore scelto Luca Cornacchia (nato a Pescina, in provincia dell’Aquila, il 18 marzo 1979),

L’uomo ha riportato ferite a un piede e traumi da esplosione ma non è grave.

Lievi escoriazioni anche per un sesto alpino, Michele Miccoli, 28 anni, residente a Belluno. Miccoli si trovava a bordo di un automezzo che seguiva quello saltato in aria.