- Corriere2000 - http://www.corriere2000.it -

Rifiuti, primo ok alla modifica del piano gestione

La Regione Lazio

- La commissione Ambiente del consiglio regionale del Lazio, presieduta da Enrico Panunzi (Pd) ha dato il via libera, con la sola astensione dei consiglieri del Pdl, alla delibera consiliare che modifica il piano di gestione dei rifiuti. Adesso il provvedimento sarà adesso sottoposto all’esame dell’aula per l’approvazione definitiva.

“Con questa delibera – ha spiegato l’assessore Michele Civita – vogliamo dare un segnale forte alle amministrazioni locali, ma anche alle forze sociali: il nostro obiettivo è raggiungere il 65 per cento di raccolta differenziata, come stabilito dalla legge nazionale. Nessuna subordinata: per questo abbiamo proposto l’abolizione del cosiddetto “scenario di controllo”, una sorta di “piano b” inserito dalla precedente giunta regionale.

Lo scenario di controllo, infatti, prevedeva un aumento della quantità di rifiuti prodotta e un aumento molto lento della raccolta differenziata (0,9 per cento ogni anno). In realtà i dati dell’Istituto superiore per la protezione e ricerca ambientale (Ispra) ci dicono che i rifiuti dal 2011 al 2012 sono diminuiti (da 3 milioni e 315mila tonnellate a 3 milioni e 201mila) e la raccolta differenziata è cresciuta dal 16,5 per cento del 2010 al 22,1 del 2012. Le stime pessimistiche contenute in questo “piano b”, insomma, sono state smentite e quindi, anche accogliendo il quesito referendario proposto dai movimenti dei cittadini, proponiamo di abolirlo del tutto. E con esso anche le relative previsioni di nuovi impianti”.

“Noi – ha concluso Civita – vogliamo indirizzare tutte le risorse per aiutare i Comuni a raggiungere il 65 per cento di differenziata. A partire da Roma, dove viene prodotta più della metà dei rifiuti dell’intera regione e dalla sua provincia. Nella delibera, infine, è previsto un monitoraggio attento dei flussi dei rifiuti, in maniera da arrivare, penso a novembre, a una modifica complessiva del piano stesso, basata sulla Valutazione ambientale strategica”.

A favore del provvedimento hanno votato i consiglieri di Pd, Per il Lazio, Lista Zingaretti, M5S e Fratelli d’Italia.

“L?’eliminazione dello scenario di controllo in merito alla gestione dei rifiuti e la decisione di rideterminare nel Lazio il fabbisogno impiantistico dedicato al trattamento dei rifiuti urbani è un passo molto importante per delineare gli scenari futuri?”.

Così Enrico Panunzi, presidente della commissione Ambiente della regione Lazio sul voto che approva la proposta di deliberazione consiliare in merito all’?eliminazione dello scenario di controllo e il relativo schema di flusso: la commissione, alla quale ha partecipato anche l?’assessore Michele Civita, ha dato il via libera all?’unanimità al provvedimento, con la sola astensione del Pdl. ?”La strada da fare è ancora lunga -? conclude Panunzi – e la presenza dell?’assessore Civita dimostra ancora una volta il clima di collaborazione che si è instaurato tra giunta, commissione e consiglio?”.