Invia questo articolo Stampa questo articolo
Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
  • Webnews
  • Digg
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • LinkedIn
  • Live-MSN
  • MySpace
  • OKnotizie
  • Technorati
  • YahooMyWeb
  • TwitThis
Viterbo -Finora 267 sono in casa di famiglie - In larga parte si tratta di donne e bambini

Guerra in Ucraina, 278 i profughi accolti nella Tuscia

Guerra in Ucraina – Fonte Telegram – Zelenskiy Official

La maggior parte ha trovato accoglienza in famiglie, magari da parenti e amici che già vivevano sul territorio.

Si tratta di 267 persone. Tra loro ci sono 126 minorenni, bambini e ragazzi con meno di 18 anni e 11 anziani, ucraini over 65.

A questi 267 si aggiungono altri 11 profughi che invece sono ospitati in centri di accoglienza straordinari, i Cas, non essendo, probabilmente, arrivati tramite contatti con loro connazionali sul nostro territorio, ma attraverso altre vie, come quella umanitaria.

Anche nella Tuscia si è messa in moto la macchina dell’accoglienza per le popolazioni colpite dalla guerra e costrette a lasciare le loro città, una macchina che lavora sotto il coordinamento della prefettura.

Finora in Italia sono arrivati in 53.669,in fuga dal conflitto in Ucraina, in larga parte donne e bambini.

Sono27.429donne,4.582uomini e 21.658minorenni. La loro destinazione, in base a quanto dichiarano al momento dell’ingresso nel nostro paese, come spiegano dal Viminale, è in larga parte rappresentata dalle grandi città, a cominciare da Milano, ma anche Roma, Bologna o Napoli.

Altre realtà, fra cui Viterbo o centri più piccoli, si stanno comunque attrezzando per aiutare chi in questo momento si trova in una situazione di grande difficoltà.

20 marzo, 2022 - 15.23